Blitzkriegmilitaria Forum

Blitzkriegmilitaria Forum (http://www.blitzkriegmilitaria-forum.com/index.php)
-   Uniformi e Distintivi degli Imperi Centrali (http://www.blitzkriegmilitaria-forum.com/forumdisplay.php?f=56)
-   -   Mezzobusto ed equipaggiamento di un militare al corso d'assalto (Sturmkurs). (http://www.blitzkriegmilitaria-forum.com/showthread.php?t=24194)

Andrea Marighetti 21-01-2018 15.01.11

Mezzobusto ed equipaggiamento di un militare al corso d'assalto (Sturmkurs).
 
1 allegato(i)
Salve ragazzi,

oggi procediamo con una mia ricostruzione su mezzobusto di un militare austriaco al corso di istruzione per assaltatori (Sturmtruppen bei den Sturmkurs) di Levico in Valsugana, periodo inizio 1917.
Il semplice equipaggiamento qui proposto è composto da un elmetto in acciaio Mod. 1916 di prima fornitura germanica, giubba Mod. 1916 unificato in tessuto rigato, cinturone Mod.1915 in cuoio e fibbia ad ardiglione, pugnale d'assalto Mod. 1917(Grabendolch), Carabina Mod.1895 con cinghia regolabile, Maschera antigas in tela cerata (Gasschutzmaske) con filtro di riserva, il tutto custodito nella custodia in tela di canapa, Tascapane (Brotsack) a tracolla.
Appuntato sulla tasca alta a sinistra della giubba, il classico distintivo distintivo per le truppe d'assalto (Sturmtruppabzeiche) prodotto dalla ditta Gurschner di Vienna.

Andrea Marighetti 21-01-2018 15.01.52

1 allegato(i)
2

Andrea Marighetti 21-01-2018 15.02.30

1 allegato(i)
3

Andrea Marighetti 21-01-2018 15.03.07

1 allegato(i)
4

Andrea Marighetti 21-01-2018 15.03.46

1 allegato(i)
5

zerias 21-01-2018 17.15.30

come sempre pezzi super complimenti saluti Sergio

305 21-01-2018 22.22.33

Complimenti! Tutto come nuovo da magazzino. Soltanto l elmetto sta stonando un po. Ma non potevi mettere il berni?? ;-)

Andrea Marighetti 21-01-2018 23.13.02

Grazie per i vostri interventi!

Per 305:

Giusta la tua osservazione, comunque a mio modesto parere gli elmetti austriaci come il "Berni", "l'Ungherese", "l'Austriaco" ecc. sono elmetti introdotti praticamente a fine guerra, il vero elmetto delle truppe d'assalto asburgiche era il modello 1916 tedesco.
Osservando le foto d'epoca, la stragrande maggioranza dei militari ritratti nei primi corsi per le truppe d'assalto calzavano un elmetto che si rivelerà ancora migliore dei suoi successori come praticità ed affidabilità, era per l'appunto lo Stahlhelm tedesco di progettazione e produzione germanica fornito all'esercito dell'Impero asburgico.
Una ricostruzione come questa (non ho messo la data a caso), non poteva proporre altro che questo tipo di copricapo.

JFK 22-01-2018 19.56.04

Quote:

witzig (Messaggio 405618)
.. periodo inizio 1917.

Si capiva pure dal Brotsack.. praticamente vuoto. :((

Se posso io dico "figo"! Resterà così od è un work in progress?


ciao boces

Ironcrown 22-01-2018 21.18.02

Visto che stiamo a rompere gli zebedei... :laughing1:
Sicuramente è tutto calcolato, ma perchè non ci hai appeso qualche bomba a mano?
Le truppe d'assalto da quello che ho visto di solito si facevano ritrarre con ordigni in tutte le salse.

305 23-01-2018 08.16.40

Mancanza di ordigni io la vedo cosi. Lui non e un lancatore di bam ma il servente di MW o qualcosa di simile.

Andrea Marighetti 23-01-2018 13.04.11

Fa piacere vedere i vostri interventi!
Interessanti sono i vostri quesiti, siamo però abituati a vedere le truppe d'assalto Imperiali addobbate come alberi di natale, con appeso ai cinturoni ed a tracolla di tutto e di più.
La mia idea nasce da un progetto di esposizione museale, un percorso, ogni argomento trattato spiegato più chiaramente possibile all'interessato.
Facciamo finta di entrare in un museo dedicato alle truppe combattenti in montagna nella prima guerra mondiale, fronte dolomitico.
Le vetrine espositive contengono le uniformi, gli armamenti e gli equipaggiamenti relativi alla tematica.
Vedere ad esempio un manichino carico come un mulo, potrebbe anche essere un bel vedere ma sicuramente poco istruttivo e di conseguenza i particolari non sarebbero del tutto analizzati.
Dovessi dedicare uno spazio alle truppe d'assalto, avendo logicamente molto materiale d'epoca a disposizione, lo esporrei per senso logico e cioè da un inizio ad una fine.
In questo caso io propongo questo mezzobusto, molto sintetico nell'apparire, nulla darebbe a presagire appartenesse ad un militare delle truppe d'assalto tenendo conto però che la base è già stata creata come esempio.
Procedendo per settori, posterò tutto quello che ho in collezione e che potrebbe servire per questa discussione, senza caricare troppo le immagini di oggetti, cosicché avremo anche lo spunto per eventuali domande e discussioni, alla fine tutto sarà più chiaro come dovrebbe essere anche in un museo.
Per ogni oggetto la sua vetrina e la sua spiegazione.
Posterò anche altre foto ritraenti un manichino ed un mezzobusto di un assaltatore al fronte, tenendo conto che il primo postato ha appena terminato il corso di istruzione e conseguentemente inizierà la sua carriera nelle truppe d'assalto.
Spero molti di voi parteciperanno, anche con foto d'epoca, dove poter trarne qualche spunto per discutere sugli equipaggiamenti in dotazione.
PS: ci saranno anche le bombe a mano! :laughing1:

Ironcrown 23-01-2018 14.26.21

Ho capito, la tua logica non fa una grinza:tu1:

JFK 23-01-2018 20.30.48

Quote:

witzig (Messaggio 405679)
Fa piacere vedere i vostri interventi!

Ed a me sentir le tue idee!
Ci speravo tanto in una risposta così, e la domanda sopra era mirata su questo punto.
Sono decine d'anni che cerco di proporre questo tipo di esposizione lineare dando importanza ad ogni singolo oggetto anzichè ammassare di tutto e di più.
Naturalmente..dentro da un orecchio e fuori dall'altro...

Spero che il tuo allestimento riesca altrettanto bene delle tue intenzioni..
e che detti scuola!

ciao boces

305 23-01-2018 22.09.36

Per stessi motivi, l unico mannichino ghe ho, lo tengo esposto nell modo simile. Un giorno lo devo presentare.;-)


Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 20.48.17.

Powered by vBulletin versione 3.8.9
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia. it